forum.stripovi.com
forum.stripovi.com
Home | Profile | Register | Active Topics | Active Polls | Aukcije | Private Messages | Members | Search | FAQ
Username:
Password:
Save Password
Forgot your Password?

 All Forums
 Stripovi
 Bonelli
 Podaci o prodaji stripova u Italiji
 New Topic New Poll New Poll
 Reply to Topic
Previous Page | Next Page
Author Previous Topic Topic Next Topic
Page: of 52

Deers
Advanced Member



Croatia
5830 Posts

Member since 29/03/2004

Posted - 12/02/2015 :  09:55:43  Show Profile Show Extended Profile  Send Deers a Private Message  Reply with Quote
Nisam siguran da urednik bloga nije jedan od ovih sa Fd'A.

"Trzaj mišica i nad prazninom sam."
Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 12/02/2015 :  09:57:51  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by King Warrior

Problem je taj sto je SBE zatvorena kuca kada se radi o takvim i slicnim informacijama.
Da kojim slucajem, poput Amera, mjesecno javno objave prodajne brojke, bilo bi nepotrebno da neko iznosi teorije zavjere ili slicno.


Slažem se, ali ni ostali talijanski izdavači nisu puno drugačiji po tom pitanju.
Go to Top of Page

King Warrior
stripovi.com suradnik



19286 Posts

Member since 10/11/2007

Posted - 12/02/2015 :  10:21:19  Show Profile Show Extended Profile  Send King Warrior a Private Message  Reply with Quote
Mislim da je zaista steta sto nemamo prodajne brojke pojedinih izdanja/epizoda. Pogotovo u 2015 imamo Hellingenov povratak, bilo bi interesantno vidjeti da li ce se ta prica prodati u vecem broju primjeraka nego ostale epizode. Siguran sam da hoce, ali za koliko vise?! Ipak, Hellingen ce sigurno dobrim dijelom zaustaviti pad prodaje, tako da je na kraju godine realno za ocekivati da ce Zagor, odmah iza Texa i Dylana, biti treci serijal po prodaji u SBE.
Sve ostalo bi bilo iznenadjenje.
Provjerene stvari uvijek dobro prolaze. To ce, naravno, dati potvrdu Burattiniju da je napravio pravi potez, iako vec unaprijed znamo da njegov Hellingen nece biti remek-djelo.
Uslijedit ce povaratak za povratkom, tzv. borba za prezivljavanje, stari nemesisi ce odrazavati serijal jos nekoliko godina u zivotu.
Vece reforme tesko da ce se desiti, nazalost to je jedini put da se prodaja stabilizuje na duzi vremenski period.
Iako biti broj tri po prodaji laska nasem junaku, nisam siguran da celnici mogu biti zadovoljni u trenutku kada prodaje padne ispod 30.000.
Dakle, u 2015 sumnjam da ce se natsaviti tendencija pada od 2000 primjeraka, vise je vjerovatno da ce godina zavrsiti sa istom prosjecnom prodajom kao i prethodna, upravo zbog Hellingena.
Ali, onda je ispucan najjaci as iz rukava, bice potrebno sto prije staviti na scenu Kandraxa, Rakosija i Supermikea, oni ce spasiti naredne godine od veceg pada prodaje.
Poslije njih neka nam dragi Bog pomogne.

Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 12/02/2015 :  10:30:02  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
Da, nakon jubilaraca i sličnih brojeva prodaja uvijek skoči ali jednako tako i padne. Potrebno je tim "novim" čitateljima dati nešto novo što će ih zainteresirati tako da nastave kupovati i dalje.
Da poslije Hellingena dođe par priča kvalitete "Izgubljenog svijeta", pa poslije toga par klasičnih priča s modernim twistom, možda bi se neki čitatelji i zakačili, ali s trenutačnim pristupom to je teško očekivati.
Go to Top of Page

thekide
stripovi.com suradnik



Serbia
1811 Posts

Member since 18/11/2013

Posted - 12/02/2015 :  11:26:47  Show Profile Show Extended Profile  Send thekide a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by King Warrior

Iako biti broj tri po prodaji laska nasem junaku, nisam siguran da celnici mogu biti zadovoljni u trenutku kada prodaje padne ispod 30.000.

Dakle, u 2015 sumnjam da ce se natsaviti tendencija pada od 2000 primjeraka, vise je vjerovatno da ce godina zavrsiti sa istom prosjecnom prodajom kao i prethodna, upravo zbog Hellingena.

Poslije njih neka nam dragi Bog pomogne.



Ne zaboravi da je solar rekao da Orfani opasno skaču u drugoj sezoni i da bi moglo da se desi da oni budu treći serijal po prodaji, i to ubedljivo. Ja ipak mislim da su to samo Recchionijeve puste želje, da on drži serijale broj 2 i 3.

Ipak bi Zagor trebao odneti tesnu bronzanu pobedu ispred Julije, uz standardni pad od 2000 komada (to ni dva Hellingena ne mogu više sprečiti).
Interesantno da će narednih godina čak pet serijala da vodi bitku za treću poziciju a i za ostanak-povratak iznad 30000.

Biće napeto i zanimljivo.
Nažalost jedino sam siguran da će u narednih godinu dana Nathan da potone na dno.

NN - treće mesto - 1991-2013
NN - sedmo mesto - 2015-?
Go to Top of Page

Dwayne_Looney
Advanced Member



3730 Posts

Member since 15/10/2014

Posted - 12/02/2015 :  11:43:37  Show Profile Show Extended Profile  Send Dwayne_Looney a Private Message  Reply with Quote
Ovdje ce se povecati stopa samoubojstava i pokusaja istih kad Zagor ukinu.
Realno, covjek je obisao i Zemlju i ostale planete, po 4-5 puta se obracunao s nekim neprijateljima.. vidio je Manitua, bio visok par centimetara, bio na domjenku s americkim predsjednikom, sredio vampira i razne atentatore... otpjevao je svoje

Možete vi imati sve novine i radijske postaje ali necete ovladati našim srcima.
Go to Top of Page

PijaniPatak
stripovi.com suradnik



Germany
9384 Posts

Member since 20/02/2010

Posted - 12/02/2015 :  11:56:10  Show Profile Show Extended Profile  Send PijaniPatak a Private Message  Reply with Quote
Zbog falševa mu to ne priznajemo. Ima da peva dok ne otpeva kako treba

Dnevnici citanja
www.mrgan-dnevnik.blogspot.com
Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 12/02/2015 :  12:10:14  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
quote:
Ne zaboravi da je solar rekao da Orfani opasno skaču u drugoj sezoni i da bi moglo da se desi da oni budu treći serijal po prodaji, i to ubedljivo.

Nije baš tako.
Spomenuo sam da je prvi broj druge sezone imao veću prodaju zbog resetirane numeracije i novog naziva i to je to.
Ne znam što se dogodilo sa narednim brojevima, pretpostavljam da se prodaja vratila na neki prosjek, jer da nije, vjerujem da bi se dosad već pročulo.
Ukratko, nemam pojma.
Go to Top of Page

thekide
stripovi.com suradnik



Serbia
1811 Posts

Member since 18/11/2013

Posted - 12/02/2015 :  12:29:45  Show Profile Show Extended Profile  Send thekide a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by solar

quote:
Ne zaboravi da je solar rekao da Orfani opasno skaču u drugoj sezoni i da bi moglo da se desi da oni budu treći serijal po prodaji, i to ubedljivo.

Nije baš tako.
Spomenuo sam da je prvi broj druge sezone imao veću prodaju zbog resetirane numeracije i novog naziva i to je to.
Ne znam što se dogodilo sa narednim brojevima, pretpostavljam da se prodaja vratila na neki prosjek, jer da nije, vjerujem da bi se dosad već pročulo.
Ukratko, nemam pojma.


Ma naravno, sve je još pod znakom pitanja, ali kada su ovako male razlike između serijala onda i jedan broj može da utiče na konačni ishod. Kao što se King Warrior nada da će Hellingen uticati na godišnji prosek. Naravno da hoće, al ko što si mu lepo rekao, jedan gore drugi dole. Znači Hellingen ode u 35000, posle njega neki Trgovci vatrenom vodom odu u 29000 i opet si na 32000 u proseku.

Jedino dobro u celoj priči je što je Zagor bliži dnu to će sporije tonuti, jer računam (nadam se) da ima 20000 onih koji će ga kupovati iz navike, bez obzira na kvalitet priča i crteža.

Edited by - thekide on 12/02/2015 12:31:37
Go to Top of Page

Jerry Krause
stripovi.com suradnik



Western Samoa
5057 Posts

Member since 12/11/2009

Posted - 12/02/2015 :  13:05:55  Show Profile Show Extended Profile  Send Jerry Krause a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by thekide

Biće napeto i zanimljivo.
Nažalost jedino sam siguran da će u narednih godinu dana Nathan da potone na dno.

NN - treće mesto - 1991-2013
NN - sedmo mesto - 2015-?



Vječni pesimista! Uopće se ne nerviram za Nathana da ga uskoro i ukinu. Bitno je doći do 250-og broja, a to je za oko 8 godina s ovakvim ritmom. Sve ostalo je bonus.
A Zagorovci su, čini mi se, veliki psihopati. Pustite čovjeka na miru, već odavno je trebao otići putem Manitua, ovo je čisto iživljavanje s povratcima starih neprijatelja. Uostalom, Looney je sve objasnio. :)
Go to Top of Page

King Warrior
stripovi.com suradnik



19286 Posts

Member since 10/11/2007

Posted - 12/02/2015 :  13:08:46  Show Profile Show Extended Profile  Send King Warrior a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by thekide

Ma naravno, sve je još pod znakom pitanja, ali kada su ovako male razlike između serijala onda i jedan broj može da utiče na konačni ishod. Kao što se King Warrior nada da će Hellingen uticati na godišnji prosek. Naravno da hoće, al ko što si mu lepo rekao, jedan gore drugi dole. Znači Hellingen ode u 35000, posle njega neki Trgovci vatrenom vodom odu u 29000 i opet si na 32000 u proseku.



Hellingen ce zauzeti cijelu drugu polovicu 2015. godine (od 7 do 12 mjeseca), tako da eventualni pad slijedi tek u 2016.
Do tada imamo Hellgate u plamenu (Bisi-Marolla), koju mnogi ocjenjuju kao dobru epizodu, zatim slijedi dugo iscekivani Nuccijev povratak. Onda ce Pesce i Rauch do Hellingena, najvjerovatnije, spustiti malo euforiju.


Edited by - King Warrior on 12/02/2015 13:11:24
Go to Top of Page

thekide
stripovi.com suradnik



Serbia
1811 Posts

Member since 18/11/2013

Posted - 12/02/2015 :  14:11:55  Show Profile Show Extended Profile  Send thekide a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by Jerry Krause

quote:
Originally posted by thekide

Biće napeto i zanimljivo.
Nažalost jedino sam siguran da će u narednih godinu dana Nathan da potone na dno.

NN - treće mesto - 1991-2013
NN - sedmo mesto - 2015-?



Vječni pesimista! Uopće se ne nerviram za Nathana da ga uskoro i ukinu. Bitno je doći do 250-og broja, a to je za oko 8 godina s ovakvim ritmom. Sve ostalo je bonus.


Ovo 8 godina, moš slobodno da zaboraviš. I sam si reko "s ovakvim ritmom". Al taj ritam nećeš imati kad prođu ove udarne epizode. Od dvestotke sledi Nick Raider ritam pa ćeš od silnog čekanja zaboraviti koje je boje Nathanova kosa.

quote:
Originally posted by Jerry Krause
A Zagorovci su, čini mi se, veliki psihopati. Pustite čovjeka na miru, već odavno je trebao otići putem Manitua, ovo je čisto iživljavanje s povratcima starih neprijatelja. Uostalom, Looney je sve objasnio. :)


Pa zar u svakoj prilici moraš da potkačiš Zagora? Stvarno nije u redu.
Tražiću od moderatora da ti ograniče pristup van NN topika.
Go to Top of Page

thekide
stripovi.com suradnik



Serbia
1811 Posts

Member since 18/11/2013

Posted - 12/02/2015 :  14:18:03  Show Profile Show Extended Profile  Send thekide a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by King Warrior

Hellingen ce zauzeti cijelu drugu polovicu 2015. godine (od 7 do 12 mjeseca), tako da eventualni pad slijedi tek u 2016.



Zaboravio sam na broj epizoda. Pa onda nema zime u 2015. treće mesto je naše.
Što bi reko George R.R. Martin: Winter is coming... srećom tek u 2016.
Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 12/02/2015 :  15:40:45  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
quote:
Nel 1994 "le vendite di Tex sono attestate intorno alle 50.000 copie per il tre stelle". (3)

(3) Aprile 1994. Raffaele De Falco e Pino Di Genua, 'Cronistoria editoriale: l'avventura - parte I - L'inizio '48-'50, p. 18, su Tex tra la leggenda & il mito, Tornado Press, Marano di Napoli.

quote:
Raffaele De Falco e Pino Di Genua precisano: "alle strisce viene applicata la strategia delle "serie", (ogni due dozzine di numeri circa si riparte dal numero 1 tenendo così alta l'attenzione del pubblico) mantenendo un buon livello di vendite, intorno alle 40/50.000 copie. Pur non essendo un "fenomeno commerciale" (le vendite dei settimanali Miki e Blek della concorrente Dardo viaggiano intorno alle 250.000 copie!), resta in ogni caso l'albo di punta del suo editore". (10)

Edited by - solar on 25/04/2016 06:24:44
Go to Top of Page

Dwayne_Looney
Advanced Member



3730 Posts

Member since 15/10/2014

Posted - 12/02/2015 :  16:01:03  Show Profile Show Extended Profile  Send Dwayne_Looney a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by solar

quote:
solar, mogu li podaci o prodaji LE STORIE-a?

Nisam te baš u potpunosti razumio.
Le Storie za sada idu dalje, nema nikakvih "loših" glasina premda prodaja nije nešto posebno dobra.

Link na sve podatke je ovdje:
http://forum.stripovi.com/topic.asp?whichpage=35&TOPIC_ID=38422#1775560



Da, na ovo sam mislio jer sam na onom topicu o njima pročitao da je to projekt koji će ići dok prodaja bude zadovoljavajuća (mislim, svaki je takav ali ovdje je lakše valjda napraviti rez kad nema glavnog junaka) a napisao si i da su prva 3 broja prodana u približno jednakom broju (45 000).. sada vidimo da je spalo na 23 000. Ali ako kažeš da nema loših glasina sve ok

Možete vi imati sve novine i radijske postaje ali necete ovladati našim srcima.
Go to Top of Page

Jerry Krause
stripovi.com suradnik



Western Samoa
5057 Posts

Member since 12/11/2009

Posted - 12/02/2015 :  16:29:57  Show Profile Show Extended Profile  Send Jerry Krause a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by thekide

quote:
Originally posted by Jerry Krause

quote:
Originally posted by thekide

Biće napeto i zanimljivo.
Nažalost jedino sam siguran da će u narednih godinu dana Nathan da potone na dno.

NN - treće mesto - 1991-2013
NN - sedmo mesto - 2015-?



Vječni pesimista! Uopće se ne nerviram za Nathana da ga uskoro i ukinu. Bitno je doći do 250-og broja, a to je za oko 8 godina s ovakvim ritmom. Sve ostalo je bonus.


Ovo 8 godina, moš slobodno da zaboraviš. I sam si reko "s ovakvim ritmom". Al taj ritam nećeš imati kad prođu ove udarne epizode. Od dvestotke sledi Nick Raider ritam pa ćeš od silnog čekanja zaboraviti koje je boje Nathanova kosa.

quote:
Originally posted by Jerry Krause
A Zagorovci su, čini mi se, veliki psihopati. Pustite čovjeka na miru, već odavno je trebao otići putem Manitua, ovo je čisto iživljavanje s povratcima starih neprijatelja. Uostalom, Looney je sve objasnio. :)


Pa zar u svakoj prilici moraš da potkačiš Zagora? Stvarno nije u redu.
Tražiću od moderatora da ti ograniče pristup van NN topika.




Čini mi se da u tebi ipak prevladava mračna, tj. Zagorovska strana. Počinješ se ponašati kao taj lik na tvom avataru.
Go to Top of Page

Zagor i Ogi
Average Member



Serbia
851 Posts

Member since 16/09/2013

Posted - 12/02/2015 :  21:44:37  Show Profile Show Extended Profile  Send Zagor i Ogi a Private Message  Reply with Quote
quote:
Originally posted by Dwayne_Looney

Ovdje ce se povecati stopa samoubojstava i pokusaja istih kad Zagor ukinu.
Realno, covjek je obisao i Zemlju i ostale planete, po 4-5 puta se obracunao s nekim neprijateljima.. vidio je Manitua, bio visok par centimetara, bio na domjenku s americkim predsjednikom, sredio vampira i razne atentatore... otpjevao je svoje


E moj looney, ne znas sza se sprema...
Pa uskuro ce Marsovska odiseja!!Kakvo gasenje Zagija sad ide najuzbudljiviji deo!!
Niste ovo culi od mene ali izgleda da ce glavni biti Nolitta i Donateli.Ma prodaja ima da ode do 300.000!!

The only good thing in life isZAGOR

Edited by - Zagor i Ogi on 12/02/2015 21:44:54
Go to Top of Page

Zagor i Ogi
Average Member



Serbia
851 Posts

Member since 16/09/2013

Posted - 12/02/2015 :  21:49:11  Show Profile Show Extended Profile  Send Zagor i Ogi a Private Message  Reply with Quote
Malo sale da unesem u mracnu atmosferu ovog topica...

The only good thing in life isZAGOR
Go to Top of Page

sergej773
Senior Member



Cuba
1922 Posts

Member since 03/06/2012

Posted - 12/02/2015 :  21:53:12  Show Profile Show Extended Profile  Send sergej773 a Private Message  Reply with Quote
Ha-ha, kako duhovito. :P
Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 19/02/2015 :  00:03:06  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
Par starijih članaka:

quote:
"NON PIU' MONELLO MA RICCO" Articolo di Paolo Rossi apparso su Repubblica è 26 ottobre 1990



IL MERCATO dei fumetti scoppia di salute ma una gloriosa testata cessa le pubblicazioni: Il Monello. I lettori che avevano conosciuto, tra gli altri, personaggi come Arturo e Zoe, Teo e Pedrito el Drito sono stati sommersi da nostalgici ricordi. Il Monello non è riuscito ad adeguarsi alle trasformazioni del mercato dovute prima alla concorrenza della tv, e poi ai cambiamenti di gusto del pubblico. Il prestigioso settimanale della Universo (la casa che edita anche L' Intrepido) paga in ritardo il durissimo ristagno economico che aveva colpito il settore a metà degli anni Ottanta. I veri eroi del drammatico triennio 1984/86 non sono stati quelli di carta, vincenti solo negli scontri inter-stellari dei disegnatori, ma i dirigenti, quelli in carne ed ossa che, per far quadrare conti e bilanci hanno dovuto aguzzare l' ingegno, risparmiare, cambiare i criteri gestionali e lasciare maggiore spazio a specialisti, bravi nel districarsi nel ginepraio dei diritti letterari. Eh, sì. La crisi è stata salutare afferma Rinaldo Traini, direttore editoriale di Comic Art, casa editrice d' avanguardia, quando ripensa al momento buio. E' servita per cambiare rotta. A guardare oggi quegli anni esce sconfitta soprattutto l' impostazione americana del disegno, che voleva l' immagine per l' immagine, fine a se stessa, senza una storia forte. Ma quelle avventure erano diventate ripetitive. A distanza di anni la lezione è stata utile. Il mercato dei fumetti non è uscito con le ossa rotte. Oggi cresce del quindici per cento annuo. Nello scorso mese di agosto ( del 1990 n. d. r. ) la Sergio Bonelli Editore, casa milanese con un giro d' affari di trenta miliardi l' anno, editrice di Tex, Zagor e Mister No, ha venduto un milione e mezzo di copie dei suoi albi (lo scorso anno - nel 1989 - aveva fatto registrare una tiratura di quindici milioni di copie). Un dato record. Il racconto è subentrato alle immagini stravolte e alle storie senza senso degli anni addietro. Ma le case editrici hanno compiuto un' altra scelta, strategica: hanno specializzato il prodotto per catturare target diversi. Non più albi contenitori di protagonisti diversi fra loro ma riviste con una sola storia e con personaggi in cui il lettore possa immediatamente identificarsi. Ed il lettore ha capito: è ritornato nelle edicole, affollate dalle tante, coloratissime copertine. Tutto ciò è bastato per superare la crisi e garantire l' attuale sviluppo, ma per il futuro si pone un rischio di sovrapposizione dovuto al trend positivo. Per adesso si assiste ad una moltiplicazione delle testate, anche se non durerà a lungo rileva Traini. I piccoli editori si affiancano ai grandi in cerca di uno spazio, ma sono convinto che presto dovranno mettersi da parte. Non so se i grandi editori compreranno le piccole case, ma è probabile che alcune grandi riviste mensili si trasformeranno in settimanali, organizzando diversamente la produzione. E vedremo presto anche in Italia la figura del creatore-editore, già presente negli Stati Uniti. L' attuale boom del mercato è dovuto alla continua crescita del genere horror ed al prorompente ritorno dei supereroi americani. Il campione horror per eccellenza è Dylan Dog. E' italianissimo, tira circa 300mila copie e ne vende più di 200mila. E' acquistato soprattutto da adolescenti e teen-agers. L' investigatore dell' incubo, dopo quattro anni di presenza in edicola, è perfino oggetto di studi da parte di sociologi e studiosi del comportamento. E' edito da Sergio Bonelli. Invece i supereroi americani, aiutati sicuramente dal trionfo cinematografico di Batman, sono la vera moda del ' 90. Rispetto agli anni Settanta, gli anni dell' Uomo Ragno e dei Fantastici Quattro, sono scesi in campo nuovi supereroi come Punisher e Wolverine, eroi diversi, pubblicati da Star Comics e da Play Press, due etichette giovani ed aggressive, che hanno compreso subito di non dover riprodurre fedelmente il comic book originale ma filtrarlo ed adeguarlo al pubblico italiano. Anche Corto Maltese, mensile milanese della Rizzoli, tiratura di circa 40mila copie, ha deciso di seguire la tendenza del mercato miscelando le storie di Pratt e Manara con quelle di Superman, Batman, Elektra Assassin, Watchman. E mi pare che il nostro pubblico abbia apprezzato la proposta, dice Fulvia Serra, direttore della rivista. D' altronde il fumetto americano ha cominciato a parlare finalmente un linguaggio più adulto. Ma Topolino resta sempre leader del mercato con le sue 600mila copie di tiratura (ne vende 550mila). Anzi: Mickey Mouse esce rafforzato dalla cura con cui la Disney sta lavorando al suo rilancio dopo essere ritornata alla gestione diretta dell' edizione italiana alla scadenza della licenza Mondadori. Le storie si ispirano all' attualità e si arricchiscono di citazioni (a marzo ce ne sarà una che prenderà spunto dal Pendolo di Foucault di Umberto Eco), e la campagna pubblicitaria della Disney conferisce una immagine più moderna al mondo di Paperopoli confermando che il marketing avrà un ruolo sempre più pesante nella organizzazione del prodotto-fumetto. Finora la strategia delle case editrici era quella di non perdere il lettore, in particolare quello dell' Emilia-Romagna e della Lombardia, vero zoccolo duro del mercato. Ora si presenta la possibilità di dedicarsi allo sviluppo nel Sud per allargare la base di lettori, ma Fulvia Serra è convinta che non esiste un problema Mezzogiorno. E' solo questione di educazione diversa. Gli emiliano-romagnoli hanno una reazione più veloce rispetto alle novità, ma anche al Sud si leggono fumetti, e non pochi. Capire se il fumetto ha smesso di soffrire è però ancora difficile da pronosticare. Appartiene all' area dell' intrattenimento, per cui può risentire in generale di eventuali effetti recessivi dell' economia. Le antenne degli operatori italiani ed europei sono comunque attentissime ai segnali che arrivano dagli Stati Uniti, che influenzano da sempre il mercato occidentale. E chissà, gli scenari del futuro potremo forse vederli disegnati su qualche tavola a colori o in bianco e nero.

quote:
"STRISCIA LA CRISI DEL FUMETTO" di Luca Raffaelli

Repubblica è 28 dicembre 1995


Dylan Dog non è più un fenomeno. Tex e Diabolik. Sembrano reggere bene solo i due grandi vecchi del fumetto italiano: Tex mantiene 350.000 copie di vendita, Diabolik è in costante crescita e punta alle duecentomila. Senza contare la vendita delle ristampe e degli speciali. Tex a parte, tutti i prodotti Bonelli risentono del periodo di crisi: Dylan Dog è sceso a 450.000, Nathan Never si assesta a 170.000, chiudono le ristampe di Mister No. Topolino è il settimanale più venduto (oscilla tra le 400 e le 450.000) contornato da un' altra miriade di testate disneyane ad andamento altalenante: soffrono ad esempio le Giovani Marmotte di Qui, Quo e Qua, mentre il Lupo Alberto di Silver regge bene a 60.000. I supereroi americani navigano con difficolt? tra le 5 e le 10.000 copie di venduto, con punte di 15.000 per Batman e l' Uomo Ragno. Stesso discorso per i manga. Blue, capostipite del genere erotico, vende intorno alle sedicimila copie. Linus versione Oreste del Buono e Baldini & Castoldi ha ripreso qualche copia e ora tocca le 20.000. L' Intrepido sotto le 10, Comic art (ora unito all' Eternauta), unico mensile del fumetto avventuroso d' autore ormai sopravvissuto, si aggrappa ai suoi seimila affezionati.

quote:
Recchioni o svojim serijalima, 4.6.2013

Diciamo che questo periodo si può circoscrivere in un periodo che va da John Doe n.1 (sessantamila copie di tiratura del primo numero, ventiseimila di venduto), a David Murphy: 911 n. 1 (trentacinquemila copie di tiratura del primo numero, sedicimila copie di venduto). Nel mezzo, Detective Dante (Partito intorno alle diciottomila e poi assestatosi a poco più di diecimila) e le molte testate Star (qui le cifre non le faccio perché, pur conoscendolo che sufficiente precisione, sono comunque dati riportati e non frutto di osservazione diretta).
Da un certo punto in poi, complice la crisi, i cazzi e i mazzi, il mercato si è contratto e questa proporzione si è abbassata. Non in maniera rilevante, ma di quel tanto che bastava per rendere certe operazioni economicamente sfavorevoli.
Poi, in tempi recentissimi, le cose sono peggiorate.
http://prontoallaresa.blogspot.com/2013/06/di-long-wei-una-sequenza-inedita-e-una.html

quote:
Carlo Monni:
Non lo era. Moreno disse che il primo aveva veduto 33.000 copie, il secondo 28.000, il terzo 23.000. Sempre sopra il punto di pareggio ma non di molto.
Anch'io sono rimasto perplesso sulla decisione di chiudere collane che comunque erano in attivo sia pure di poco ma che non posso che accettare.

Edited by - solar on 05/11/2015 00:56:15
Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 19/02/2015 :  08:26:33  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
Članak iz 2005. godine
quote:
Sergio Bonelli Editore. Politica editoriale

La volontà di creare un laboratorio di generi, stili e lettori, rimanendo nell'alveo del fumetto popolare grazie alla riconoscibilità delle convenzioni narrative, alle ampie possibilità di fruizione, all'universalit? dei contenuti e all'accessibilità dei costi.

Articolo di Giulio Saltarelli, apparso su http://www.komix.it

Pubblicazioni
La Sergio Bonelli Editore pubblica attualmente 14 collane (albi fuori serie e ristampe escluse), per un totale complessivo di 1.500.000 copie vendute al mese. Questo dato è molto distante dai 4.000.000 di albi mensili che erano venduti a metà degli anni Novanta, quando comunque la quantit? di lettori necessaria a sostenere economicamente la casa editrice era fornita da pochissime testate. Con l'evidente crisi del settore, la Bonelli ha optato per produrre molte testate che, prese singolarmente, hanno venduti minori, ma che complessivamente assicurano la sopravvivenza della casa editrice. Dal 1997 al 2001, sono state infatti prodotte 8 nuove testate: Magico Vento, Napoleone, Brendon, Julia, Jonathan Steele, Gea, Dampyr, Gregory Hunter. Questa politica riduce i costi fissi (carta, stampa, distribuzione) e grazie a essa viene operato un adeguamento tra venduto e tirature, al fine di diminuire i costi d'incidenza delle rese e della conseguente gestione del magazzino, evitando così l'accumularsi di migliaia di albi. L'investimento dei capitali nella diversificazione dell'offerta ha poi l'obiettivo di creare un laboratorio di lettori per verificare, grazie alla varietà dei generi e sottogeneri proposti, quali attraggono di più il pubblico per potenziare l'offerta con stratificazioni successive o ulteriori serie: nel momento in cui una testata ha successo, infatti, saranno prodotte altre collane dedicate a quel personaggio (Speciale, Almanacco, Maxi, Extra, Albo Gigante).
Non esistono testate nate per esigenze di mercato: Sergio Bonelli Editore ha una politica rivolta all'educazione dei lettori, piuttosto che all'inseguimento dei gusti del pubblico. Questo significa che la casa editrice non commissiona una collana inseguendo le mode del momento, ma permette agli autori di proporre personaggi legati ai propri interessi. Una nuova collana nasce anzitutto perchè Sergio Bonelli crede fermamente nel progetto, fermo restando il fatto che la serie da pubblicare deve avere le caratteristiche necessarie a procurare un guadagno. Creare testate è anche un modo per dare lavoro a molti giovani autori (con una vera e propria e propria operazione di scouting editoriale), in quanto Sergio Bonelli Editore, in seguito al successo avuto col boom di Dylan Dog, si è trovata a essere la principale fonte di occupazione stabile per coloro che in Italia aspirano a disegnare fumetto realistico, dato anche l'esaurirsi nel tempo della palestra costituita dal fumetto porno e del sottobosco di testate fiorite negli anni Ottanta e Novanta.
Ogni testata si assesta su un parco disegnatori stabile, in genere di circa una dozzina di elementi: ciò garantisce loro di acquistare sempre maggior confidenza col personaggio e di entrarci in sintonia, garantendo risultati qualitativi migliori e consentendo di rispettare i tempi editoriali. Ciò fornisce inoltre al lettore una certa stabilità e riconoscibilit? delle matite: il pubblico ama infatti certe firme e apprezza vederle riapparire periodicamente. Dice Marzorati: "Il nostro lettore, oltre che fedele, è anche molto conservatore e di rado tollera tratti grafici e stili narrativi che si discostano da quelli tradizionali; fanno parziale eccezione le nuove testate, realizzate da autori più giovani (dunque più aperti a nuove tendenze e influenze) e lette da un pubblico più vario e ricettivo".

Questo è uno dei motivi per cui lo staff di autori di ogni testata è generalmente stabile e ristretto. A ciò va aggiunto che esistono difficoltà oggettive nell'entrare in sintonia con un personaggio: in Tex, come nelle altre testate storiche, è più difficile mantenere il rispetto per la tradizione, dato che occorre confrontarsi con un personaggio fatto di regole in delicato equilibrio che vanno rispettate per non disorientare il lettore. Le collane più recenti si distinguono invece per una maggiore elasticità creativa. Alcuni autori, per una naturale forma di gelosia nei confronti della propria creatura, amerebbero poi scrivere da soli tutte le storie per timore che il personaggio sia travisato. Un rimpasto tra le varie collane non è quindi prassi. Nel caso in cui un disegnatore o uno scrittore manifestino l'intenzione di dedicarsi ad altro, Sergio Bonelli cerca per loro una diversa collocazione all'interno del parco dei personaggi (Mari passato dal disegnare Nathan Never a Dylan Dog) o li mette all'opera su lavori occasionali (Beretta, sceneggiatore di Martin Mystère, alle prese con Jonathan Steele oppure Roi, disegnatore di Dylan Dog, ai pennelli di Magico Vento), anche perchè queste sono variazioni talvolta auspicate dai lettori. Inoltre, cambiamenti a livello di squadre possono essere dovuti a esigenze tecniche, per cui si fa ricorso ad autori presi a prestito da un'altra serie per ovviare a problemi esterni di vario tipo. Sergio Bonelli è poco incline ai licenziamenti, salvo casi di contrasti o scelte autonome delle persone in questione. Quando una collana arriva alla chiusura, quindi, gli autori che la realizzavano sono dirottati su altre testate.

Formato
Gli albi Bonelli sono rilegati in brossura, con copertine a colori in cartoncino lucido o opaco e stampa in bianco/nero su carta ruvida. In occasioni particolari la stampa è a colori (decennali e numeri 100, 200, 300...). Una carta patinata a due colori viene usata per la collana degli Almanacchi. Infine, è in corso di pubblicazione la terza ristampa di Dylan Dog in albi cartonati. L'attuale formato standard delle pubblicazioni Bonelli è di 16 x 21 cm, con una foliazione di 100 pagine. Eccezioni a queste misure standardizzate sono gli albi Speciali e Giganti: entrambi hanno infatti una foliazione variabile a seconda delle esigenze della storia (e comunque sempre superiore a 100 pagine), ma mentre i primi mantengono il formato standard, i secondi hanno dimensioni pari a 21 x 29,7 cm. Queste particolarit? hanno alcune conseguenze. Negli albi Speciali il numero di pagine è segnalato in copertina, accanto al prezzo: questo avviene per giustificare il più alto esborso richiesto al lettore e per segnalargli la differenza dall'albo standard. Nei volumi Giganti in copertina è anche indicato il nome dell'editore. Negli albi Bonelli, infatti, il marchio editoriale non appare in copertina, ma in quarta. Nel caso in cui non sia presente neppure lì, l'unica indicazione al riguardo è collocata in seconda di copertina. Dice Marzorati: "Questa scelta è avvenuta in modo naturale: è un discorso di forza del formato e del prodotto. Basta il logo del personaggio a identificare il marchio editoriale. Gli albi Bonelli hanno acquistato una visibilità che rende inutile e superflua tale indicazione".
Sulla costa, invece, appaiono titolo dell'episodio, nome della collana e numero progressivo dell'albo (a indicare la serializzazione delle uscite). Il colore del dorso può essere sempre lo stesso (Dylan Dog, Tex, Nathan Never, solo per citarne alcuni) oppure mutare di albo in albo (Julia in cui il disegno di copertina prosegue lungo la costa, Magico Vento, Dampyr). L'efficacia delle coste monocromatiche è senza dubbio maggiore, in quanto sottolinea anche visivamente l'appartenenza di ogni albo a un'unica collana, conferendo omogeneità alla collezione.

Prezzo
La politica di prezzo tiene conto di due fattori: innanzitutto che i fumetti Bonelli devono essere popolari non solo nelle intenzioni e nei contenuti, ma anche nel costo, per poter essere accessibili alla maggior parte dei potenziali lettori. D'altro canto, occorre ovviamente che gli albi siano in grado di procurare un utile pur mantenendo il prezzo più basso possibile (che ora è di 2,50 euro per le pubblicazioni standard).

Distribuzione
Per quanto riguarda la distribuzione (curata dalla A&G Marco di Milano, mentre è Pan Distribuzione di Modena a occuparsi delle fumetterie), Sergio Bonelli Editore ritiene sia fondamentale arrivare in maniera capillare in tutte le edicole d'Italia. In ogni punto vendita deve essere garantita una copia per ogni albo: il lettore occasionale, infatti, pur non rappresentando il tipico lettore bonelliano (in genere legato sia alla testata sia al punto vendita), deve poter reperire il fumetto ovunque, specialmente per quanto concerne le pubblicazioni speciali a periodicità variabile, di solito acquistate da lettori non fedeli. Inoltre, la Bonelli manca di una struttura in grado di analizzare i dati di vendita e di proporre le strategie appropriate. è difficile perciò che la casa editrice proponga una politica di adeguamento della distribuzione in relazione a tali dati, considerando la lentezza del feedback tra punto vendita ed editore.

Politica delle uscite
Ogni testata esce in un determinato periodo del mese che resta fisso per non disorientare il lettore fedele. Non viene attuata un'analisi strategica del calendario: i nuovi prodotti si devono adattare alle uscite preesistenti e si collocano nei buchi lasciati dalle altre collane. Fissata la scaletta delle uscite, è compito dello staff di ogni testata rispettarne i tempi editoriali.

Lettori
Sergio Bonelli Editore non ha mai fatto ricerche di mercato per avere dati sui propri lettori: ogni informazione al riguardo è ricavata dalle lettere che giungono in redazione e dal pubblico presente a mostre, fiere e incontri. In generale, lo spettro è compreso tra i 16 e i 70 anni, ma la maggior parte dei lettori sono adulti. Questo sia perchè oggigiorno gli adolescenti si rivolgono a prodotti diversi per soddisfare le proprie esigenze di svago, sia perchè le storie prodotte dalla Bonelli non sono certo rivolte, n° nello spirito n° nei contenuti, ai giovanissimi. Dice ancora Marzorati: "E'un dato di fatto che non riusciamo ad agganciare un pubblico under 16. Un tentativo di abbassare il target sono stati Jonathan Steele e Gregory Hunter, con risultati scarsi o fallimentari [Gregory Hunter ha chiuso e Jonathan Steele è passato alla Star Comics, NdA]. Lo stile dei nostri fumetti non potrà mai incontrare il favore di quel pubblico a meno di non stravolgere completamente la natura del prodotto: bisognerebbe che Bonelli aprisse una sezione della casa editrice dedicata allo sviluppo e alla progettazione di serie dedicate a un pubblico giovane. Ma non l'ha mai fatto e non lo farà mai, anche perchè la strada imboccata è stata presa molti anni fa e credo sia tardi per poter impostare correzioni di traiettoria, dato che, dopotutto, questo tipo di impostazione ha dato ampiamente i suoi frutti e una deviazione sarebbe economicamente rischiosa. Inoltre la fascia d'età inferiore ha prodotti in edicola che possono soddisfarne i gusti, Topolino su tutti. Poi è molto più difficile produrre fumetti per un pubblico diverso da quello bonelliano: in un caso sappiamo con chi abbiamo a che fare, nell'altro no. I modi per attrarre alla lettura un bimbo di 9-10 anni ci sono sconosciuti. Per noi, anche per questioni anagrafiche, è più facile entrare nella mente di un adulto. Infine si tratta di preferenze dello stesso Bonelli: il prodotto per l'infanzia non lo ha mai interessato, neanche come mossa commerciale".

Pubblicità
Sergio Bonelli Editore non investe capitali in iniziative pubblicitarie e promozionali: da un lato perchè ha comunque margini di guadagno soddisfacenti, dall'altro perchè lo stesso Sergio Bonelli è contrario a iniziative di questo tipo. L'editore, infatti, diffida del potere persuasorio della pubblicit? e riconosce la propria appartenenza a una sorta di elite editoriale che non utilizza espedienti pubblicitari per conquistare lettori, puntando sulla qualità e tradizione del proprio prodotto. La promozione delle uscite mensili è fatta solo tramite la pubblicità interna ai propri albi, la presenza alle fiere del settore e lo spazio di cui la casa editrice dispone su Mega e Anteprima, le due riviste che illustrano le uscite a breve termine di tutti gli editori a fumetti d'Italia.
Un ragionamento simile al precedente è alla base della scelta di non concedere spazi pubblicitari sugli albi (unica eccezione, l'esperimento fallito di Poker): Sergio Bonelli non ama la pubblicità sugli altri media e quindi, almeno fino a quando le circostanze glielo consentiranno, non ne ospiter? sulle sue pubblicazioni; inoltre i lettori, abituati da cinquanta anni al privilegio di non vedere pubblicità sugli albi, mal sopporterebbero un'inversione di tendenza .

Sito Internet
La home page ufficiale (sergiobonellieditore.it), inaugurata circa 4 anni fa, può contare su circa un milione di pagine web consultate mensilmente. A fronte di una ricchezza di contenuti che comprende novit? editoriali, migliaia di copertine, recensioni, interviste, anteprime, catalogo storico e possibilità di richiedere arretrati, risalta l'assenza di un indirizzo di posta elettronica a cui gli utenti possano rivolgersi. Dice Marzorati: "Da una parte è un problema di sopravvivenza: l'avere a che fare con un flusso di e-mail comporterebbe la necessità di creare una sezione speciale di persone che si occupino solo di questo. Sappiamo che tale carenza delude i lettori, che vedono pregiudicato un contatto più diretto, ma occorre tenere presente che Sergio Bonelli e i curatori di testata dedicano già gran parte del loro tempo libero a rispondere personalmente a chi ci scrive con carta e penna. Inoltre la posta elettronica è un canale diretto attraverso cui può passare di tutto, insulti compresi: servirebbe perciò un lavoro di selezione del materiale che non abbiamo tempo di svolgere. Stesso discorso per l'introduzione di chat e forum: si rischia la formazione di piccoli gruppi di "eletti" che si parlano addosso. Sarebbe quindi richiesto un lavoro di organizzazione che l'editore ritiene non necessario affrontare. D'altra parte Bonelli ha ormai settanta anni e appartiene a una generazione che con Internet ha poco a che fare e si trova poco a suo agio. E sarebbe sbagliato pretendere il contrario".
Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 20/02/2015 :  09:16:01  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
quote:
Sergio Bonelli (maj 2007.):
Quali nuove pubblicazioni avete in preparazione?
«Recentemente abbiamo fatto due esperimenti interessanti pubblicando delle miniserie, quindi stabilendo già in anticipo che sarebbero finite dopo 18 numeri. Sono personaggi che si pensa non abbiano la forza di durare e gli autori pensano che il pubblico sia più invogliato all’acquisto se sa che la storia prima o poi finirà, anche se io non sono molto d’accordo. Si tratta di Brad Barron del genere fantascienza, che ha fatto una media di 43 mila copie, e Demian che è al n. 12 e va meno bene (36 mila copie) perché la tematica è un po’ più difficile, si tratta di un giallo sulla malavita marsigliese. Inoltre facciamo delle pubblicazioni singole, in stile graphic novel, ovvero un romanzo a fumetti. Abbiamo pubblicato Il legionario e tra poco uscirà Dragonero».


quote:
Sergio Bonelli (1998):
E questa nuova, ahimè, chiusura di Ken Parker?

Ken Parker è una pubblicazione che io ho molto amato. Ho dato via libera agli autori quando si sono presentati qui col progetto, e poi ho lasciato loro molta autonomia perché ho capito che erano bravi. Però soffrivo molto perché non riuscivamo ad affermarla: c'era un successo di tipo qualitativo, capivamo che i lettori erano abbastanza particolari. Avevamo conquistato ai fumetti gli universitari, ad esempio. E quando avevamo raggiunto una tiratura decente, è scoppiata questa illusoria prospettiva delle riviste d'autore e loro hanno preferito uscire dalla serialità, che ovviamente impone certe scelte. Poi si sono messi per conto loro e hanno cominciato a uscire ancora più sporadicamente. Da quando sono tornati con noi, ci sono, purtroppo, due osservazioni da fare: il pubblico dei vecchi lettori è poco (sui 20-25.000) e per le nuove generazioni è una tematica ormai "spuntata" e non ha avuto successo. Inoltre, gli autori stessi hanno un po' esaurito la voglia di raccontare quelle tematiche e un po', proprio, l'interesse per il personaggio.

Edited by - solar on 23/04/2016 04:15:03
Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 20/02/2015 :  09:16:43  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
Linkovi sa nekim intervjuima:

http://www.ubcfumetti.com/interview/9802.htm

Sergio Bonelli, 1998.
http://3.bp.blogspot.com/-EB8TmAvYiR0/U5nUJd1r2HI/AAAAAAAARLI/_r_dCM7ux4s/s1600/intervista+sergio+bonelli+001.jpg
http://2.bp.blogspot.com/-d5Pf4IyW5bY/U5nULKHOeuI/AAAAAAAARLM/uaQF_Otw_R0/s1600/intervista+sergio+bonelli+002.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-9D5eyW8r0UI/U5nUoKVTpuI/AAAAAAAARLY/oub_tUEdDuM/s1600/intervista+sergio+bonelli+003.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-m-bzwuXxFTE/U5nU75MKNpI/AAAAAAAARLo/3VRxzwzSBSE/s1600/intervista+sergio+bonelli+005.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-trLdAG17k9k/U5nU_U9L2xI/AAAAAAAARLw/HhndrKFoSX0/s1600/intervista+sergio+bonelli+006.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-fDfW3ayXVCc/U5nVParzqHI/AAAAAAAARL4/ceppQmQBch0/s1600/intervista+sergio+bonelli+007.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-Ed5QQU9D5wU/U5nVTE4fisI/AAAAAAAARMA/3gLhIp2-MCc/s1600/intervista+sergio+bonelli+008.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-HkjKc_v0cXs/U5na7jjtR9I/AAAAAAAARMQ/44oijDt8-9E/s1600/intervista+sergio+bonelli+009.jpg
http://1.bp.blogspot.com/-jE1x77XMcd8/U5na9SJJA6I/AAAAAAAARMY/2tkZ4aM6dSU/s1600/intervista+sergio+bonelli+010.jpg

Gigi Simeoni, 1997.
http://4.bp.blogspot.com/-k3PoMep358A/U8P_yxLc5dI/AAAAAAAASUo/19g7fa3W5Pg/s1600/gigi+simeoni+1+001.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-YHozEwT-a34/U8P_2QGtmmI/AAAAAAAASUw/bCUnhfny-dM/s1600/001.jpg
http://2.bp.blogspot.com/-ZlyAUzBVVfc/U8QAOCNL6xI/AAAAAAAASU4/4YuRb7lP_YE/s1600/gigi+simeoni1+001.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-u95CQycJu6w/U8QAVDZQP3I/AAAAAAAASVA/I-hPYIDl68o/s1600/gigi+simeoni1+002.jpg
http://4.bp.blogspot.com/-Y4lhh34Jnqk/U8QBJW7QjUI/AAAAAAAASVI/WMjrPQju3T0/s1600/gigi+simeoni1+003.jpg
http://1.bp.blogspot.com/-Be-WGnpLtF4/U8QBJflE3FI/AAAAAAAASVM/biubiRTpaVg/s1600/gigi+simeoni1+004.jpg
http://3.bp.blogspot.com/-WIAtAxQsiDI/U8QBtn2NJFI/AAAAAAAASVY/9wT8A9ZYP2c/s1600/gigi+simeoni1+005.jpg

Sergio Bonelli, 2011.
http://www.tifernocomics.com/archivio/generale/index.php?q=node/29
http://www.vittoriozincone.it/2011/04/28/sergio-bonelli-sette-aprile-2011/

Sergio Bonelli, 2007.
http://www.businesspeople.it/People/Protagonisti/Italia-l-ultima-trincea-dei-comics_24621
http://www.businesspeople.it/People/Protagonisti/L-impero-di-Sergio-Bonelli-in-un-appartamento_24606

Edited by - solar on 23/04/2016 03:47:39
Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 20/02/2015 :  09:18:31  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
Na talijanskom forumu o Teksu, našao sam topic u kojem su forumaši tijekom godina skupili ogroman broj intervjua sa raznim Bonelli autorima. Našlo se tu i nekih rariteta poput intervjua s G.L.Bonellijem, Galepom i Sergiom iz 70-tih i 80-tih godina, uglavnom ima toga dosta.
Iz tih tekstova ovdje sam izvadio samo najzanimljivije djelove koji se odnose na brojke o prodaji, a tko ima par sati viška() može i sam pročitati te intervjue, evo linka:
http://texwiller.ch/index.php/topic/862-interviste-agli-autori/


- pedesetih godina Kapetan Miki i Veliki Blek imali su puno veću prodaju od Teksa, koji je u to vrijeme još uvijek bio u "striscia" izdanju
- Teksu je prodaja osjetno počela rasti tek nakon više od deset godina prisutnosti na kioscima
- na početku svog izdavačkog života Teks je bio objavljivan svakog tjedna u striscia formatu, imao je 32 stranice, cijena je bila 15 lira, a prodaja 45.000 primjeraka
- Teks broj 200 objavljen u 7. mjesecu 1977. prodan je u preko 500.000 primjeraka
- prvi broj Teks giganta, objavljen u 6. mjesecu 1988. godine, prodan je u 250.000 primjeraka
- Jubilarni 500-ti broj, objavljen u 6. mjesecu 2002. godine je rasprodan u tjedan dana
- u 2005. godini Teks i Dylan su (uključujući i sve njihove reprinte) zajedno svaki mjesec imali prodaju od 800.000 primjeraka
- samo su se reprinti Teksa (tre stelle, tutto, nuova ristampa) u 2008. godini prodavali u 30/40 tisuća primjeraka
- prema Sergiovim riječima Teks je 2005. godine u Brazilu imao prodaju od 20/25.000 primjeraka, a u drugoj polovici devedesetih oko 30/40.000 primjeraka

- Diabolik je 1977. godine imao prodaju oko 250.000 primjeraka, a u prvoj polovici sedamdesetih preko 300.000.
- prvi broj Nizzijevog Leo Pulpa, objavljen u 5. mjesecu 2001. godine, prodan je u 42.000 primjeraka

citati:
quote:
Sergio Bonelli, 7.2005.
Cosè ho provato a inventare io un personaggio. In quegli anni certi caratteri, tipo Capitan Miki e il Grande Blek, vendevano molto più di Tex, a striscia. Questo perchè Tex era una lettura piuttosto seria, che non si rivolgeva ai ragazzini ma a persone più adulte.
quote:
Sergio Bonelli, 9.2008.
Ma fu successo immediato?
No, Tex ha cominciato ad andare bene dieci anni dopo la sua nascita, i primi anni sono stati faticosi. In quel periodo il western andava forte, c'erano fumetti tipo "Il piccolo sceriffo", "Capitan Miki" e "Grande Blek" che erano scritti per i ragazzi. Bonelli padre scriveva per un pubblico un po' più adulto, e Tex tardava ad affermarsi. Una volta esploso, è stato in inarrestabile ascesa fino agli anni '80.

E oggi come va?
Inutile nasconderlo, abbiamo perso molti lettori rispetto a quindici-vent'anni fa, vendiamo un po' più di un terzo se facciamo il confronto col periodo d'oro. Tex però tra i fumetti della nostra casa editrice è quello che vende ancora di più, 220-230mila copie al mese. E? seguito da Dylan Dog, già il terzo che è Nathan Never vende solo 60mila copie. Con alcune testate faccio fatica ad arrivare alle 40mila copie.

E' possibile fare l'identikit del lettore medio di Tex?
E' una persona matura, non un ragazzino, e condivide con noi quei valori in cui credeva tanti anni fa e che magari un po' ingenuamente segue anche oggi. Tex è la rappresentazione di chi sta con i deboli, con la giustizia, rappresenta il trionfo dell'amicizia, della lealt?, persino della famiglia. E sono lettori molto affezionati al personaggio, basta vedere come seguono anche le ristampe?

Cio??

Quelle della serie regolare vanno ancora bene, vendono 30-40mila copie al mese, ed è una cosa impensabile perchè praticamente noi ristampiamo il personaggio da sempre. Ma ci hanno sorpreso, fino a un certo punto, quelle fuori serie realizzare col gruppo l'Espresso. Vuoi la novit? del colore, o la carta bella, o l'edizione che è più elegante, fatto sta che anche il lettore "storico" di Tex le ha acquistate, forse perchè la sua collezione sta un po' invecchiando?
quote:
Sergio Bonelli, 1996.
E quando scrivo io una sua storia mi chiedo come l'avrebbe fatta mio padre, e se i 350.000 che lo comprano lo apprezzano più spaccone o con qualche dubbio in più.
quote:
Članak iz 1977.
luglio 1977, Tex vende più di 500mila copie. Ufficiale, Sergio Bonelli sui dati del venduto dell'albo a colori.
- In realtà, sottovalutato fino a oggi dagli intellettuali, Tex è un fenomeno più unico che raro nel mondo dei comics.
L'intrepido e Topolino sono gli unici albi a fumetti che vendono di più, ma sono un collage di storie. Come personaggio fisso Tex non ha rivali (Diabolik vende per esempio 250 mila copie, mentre lui, oltre alle 500 mila dell'albo mensile che festeggia in questi giorni il 200esimo numero con un'edizione tutta a colori, può contare su una vendita continua di tutti gli albi arretrati, periodicamente ristampati in un'edizione speciale chiamata tre stelle). Il primo numero usc? il 30 settembre 1948. Settimanale, formato striscia come andava allora, 32 pagine, 15 lire, 45 mila copie.
quote:
Claudio Nizzi, 1.2005.
il secondo numero di ?Leo Pulp?, che i fan tenaci hanno continuato a chiedere per quattro anni, disegnato dal modenese Massimo Bonfatti. Il primo era stato un buon successo, con oltre 42000 copie.
quote:
Sergio Bonelli, 6.2002.
Al grande successo di Tex 500 si aggiunge la spasmodica attesa per il ritorno di Mefisto. Questo vuol dire che è sempre Tex il più amato dagli italiani?
?Confesso che anche io sono stupito, non ricordo un'adesione così totale. Non ci aspettavamo un successo di queste dimensioni per il numero 500, tanto è vero che in meno di una settimana abbiamo dovuto ristamparlo. Questa è la conferma di un fatto irripetibile che fa capire, una volta di più, che c'è molto affetto intorno a Tex, che è tornato il fumetto italiano più venduto, scalzando Dyland Dog, anche se di poco, pur essendo un personaggio che ha un pubblico adulto, maturo, che non suscita più l'interesse dei ragazzini. Ma il successo c'è ed è innegabile e una parte del merito va sicuramente alla stampa che si sta facendo perdonare tutto il malanimo e le aggressioni contro il fumetto italiano di quando io ero ragazzo?.

Se Tex gode di buona salute, come sta il fumetto bonelliano in generale?
?Tex è il fumetto italiano più venduto, e quindi gode di buona salute, ma non bisogna dimenticare che ogni anno c'è una perdita di lettori del 6,7 per cento e che, rispetto a sette anni fa, le vendite si sono dimezzate. Questo vuol dire che i giovani hanno altri interessi: la televisione, i videogiochi, la birra al bar, gli amici, ma non solo. E poi leggere fumetti è diventato più faticoso, pur non essendo questo il caso di Tex. Quando ero ragazzo io le storie erano più meccaniche ed elementari, adesso sono più verbose e sicuramente più faticose da seguire?.
quote:
Claudio Nizzi, 11.2006.
...primo Texone, un epizodio disegnato da Giudo Buzzelli che non aveva trovato spazio nella serie normale e, fuori collana, vendette 250 milla copie.
quote:
Sergio Bonelli, kraj 2005., početak 2006. godine
Signor Bonelli, qual è lo stato di salute del fumetto italiano?

La situazione generale non è particolarmente felice. Ce una lenta e costante flessione del mercato. I motivi sono tanti. Sarebbe una cosa lunga da analizzare. Posso dire che è una crisi di cui soffrono tutti, sia gli editori abbastanza grandi come me, sia quelli piccoli.

Però le cifre parlano chiaro: le sue testate vendono centinaia di migliaia di copie e la sua casa editrice riamane leader del mercato.

Questo è vero. Ma noi partivamo già da cifre alte. Mi spiego. Tex, che oggi vende 250 mila copie, è il leader assoluto. Però una decina di anni fa vendeva 500 mila copie. Questo vuol dire che ogni anno si è eroso circa il 10% di vendite, ma ciononostante viaggiamo ancora su numeri consistenti.
In quali Paesi sono presenti?

Soprattutto in Brasile e in Turchia. Poi nella ex Yugoslavia, Scandinavia, Spagna, Francia, Olanda, Germania, Polonia, Repubblica Ceca e Stati Uniti. Ma, ripeto, all'estero i numeri sono bassissimi. Faccio un esempio. In Brasile Tex è il fumetto più venduto del paese, ma fa solo 20 mila copie. Ora, basta immaginare che da noi ne fa 250 mila, come ho già detto, e ci si può fare un'idea della situazione.
Cosa pensa delle iniziative legate al fumetto da parte dei grandi quotidiani? Mi riferisco in particolare ai ?classici del fumetto di Repubblica?. Hanno aumentato le vostre vendite?

No. L'iniziativa però è lodevole. Ha aiutato il fumetto a non essere perennemente considerato come roba per ragazzini o per eterni adolescenti. Ma devo ammettere che nessuna delle nostre testate coinvolte nella collana ha aumentato le vendite dopo l'uscita del volume con Repubblica.
Come vede il futuro del fumetto?

Lo vedo come un futuro di nicchia. Mi spiego. Oggi fare fumetti è diventato difficilissimo. Il mercato è cambiato radicalmente. Una volta il fumetto era uno dei pochi svaghi che i giovani potevano concedersi. Oggi non c'è nemmeno bisogno che elenchi quanto forme di divertimento ci sono. Poi c'è un'altra cosa. Anche i gusti del pubblico sono cambiati. Io posso dire di aver avuto i migliori sceneggiatori e disegnatori italiani e stranieri a lavorare per me. Eppure le mie testate perdono copie. Spesso mi viene da pensare che le aspettative che il lettore ha è superiore a quella che il fumetto può dare. E poi c'è un'altra cosa. La più importante se vogliamo parlare del futuro del fumetto.

Dica.

I fumetti in Italia costano troppo poco. E qui mi riallaccio al discorso che facevo prima. Non mi sembra giusto che 4 mie testate che vendono bene debbano mantenerne altre 10 che non vendono abbastanza. Ma se non vendono abbastanza per sopravvivere autonomamente è solo perchè i prezzi degli albi sono troppo bassi. Chiunque va a farsi un giro all'estero se ne rende conto. Le nostre stesse testate, in paesi come la Spagna o la Francia, costano il doppio, o anche di più, rispetto a qui (e si noti che loro non hanno spese di produzione, ma comprano solo i diritti da noi). Purtroppo abbiamo abituato il pubblico al fatto che i fumetti debbano costar poco o nulla. Insomma, tutto può aumentare, dalla pizza al gelato, e va bene così. Ma se aumenti il prezzo degli albi, poi i lettori insorgono. Se andiamo avanti di questo passo, però, non so quanto possa durare la giostra. Come ho già detto, non ho intenzione di sottopagare o far fare la fame ai miei disegnatori. Bisogna capire che se si vuole continuare a leggere le proprie avventure preferite, è necessario fare qualche piccolissimo sacrificio e pagare un albo qualche centesimo in più.
quote:
Sergio Bonelli, 3.2006.
Venticinque milioni di copie vendute ogni anno, 800mila al mese solo con Tex e Dylan Dog, ne fanno il numero uno del settore. Sui fumetti dice cose che pesano. Anche se escono da una nuvoletta.
quote:
Sergio Bonelli, 1998.
Teks u Brazilu:
Invece, quello di Tex è un grande editore, lo stesso proprietario di Rete Globo. Tex vende 30-40.000 copie, secondo solo a Mauricio De Sousa, il Disney brasiliano.

Neke druge serije:
Un esperimento editoriale come quello della Bonelli-Dargaud è improponibile per il futuro?

Ahimé, "Pilot" vendeva 15-17.000 copie. Il rimpianto da tutti "Orient Express" non è mai arrivato a 20.000 copie. In teoria, gli albi della Dargaud potevano continuare, visto che era materiale straniero e costava poco. Ma addirittura quegli albi vendevano 5-10.000 copie. Era una perdita economica rilevante. Noi non stiamo mai troppo a guardare le cifre, se una serie è leggermente in perdita viene compensata dal grande successo di altre. In quel caso, però quelle vicende erano legate all'illusione di un mercato che è finito, quello delle riviste d'autore. Anche da noi, Comic Art è tornato in edicola, ma purtroppo temo che non potrà durare.
quote:
Sergio Bonelli:
"prima eravamo una famiglia, da Dylan in poi siamo diventati un'azienda"

Edited by - solar on 23/04/2016 03:39:15
Go to Top of Page

solar
Moderator



Croatia
15762 Posts

Member since 16/03/2004

Posted - 20/02/2015 :  09:46:05  Show Profile Show Extended Profile  Send solar a Private Message  Reply with Quote
Tabele s pouzdanim podacima o prodaji "SBE" serijala.




Zanimljivosti
- U 2015. godini tiraž svih izdanja je bio 17.970.000 primjeraka, a prodano je 8.940.000 primjerka
- U 2014. godini tiraž svih izdanja je bio 18.906.710 primjeraka, a prodano je 9.266.053 primjerka što iznosi 772.000 prodanih primjeraka na mjesečnoj razini (u to ne ulazi prodaja Teksa u izdanju Repubblice)
- U 2008. godini, na mjesečnoj bazi, Bonelli je tiskao između 1.5/1.6 milijuna kopija, a prodaja je bila oko 1 milijun, remitenda između 36 i 38% (Disney je u isto vrijeme tiskao oko 1.3 milijuna)
- Vrhunac za SBE se dogodio 1993. godine kada je prodaja u ljetnim mjesecima dosegnula 3 milijuna primjeraka, od tada je stalan pad (gubi se između 5 i 8% čitatelja svake godine)
- U 8. mjesecu 1990. godine, Bonelli je prodao oko 1.5 milijuna kopija, a 1989. ukupno su tiskali 15 milijuna kopija
- Na vrhuncu popularnosti, oko 1994. god., Dylan Dog je imao prodaju od oko milijun primjeraka mjesečno (redovna serija i dvije serije reprinta)
- Prvi broj Magičnog Vjetra je imao prodaju oko 160.000 primjeraka, a prvi broj Dampyra oko 120.000
- Tex se na vrhuncu popularnosti ("zlatnih" 70-tih prodavao između 600.000 i 700.000 komada mjesečno, a Zagor oko 220.000 komada
- Pedesetih godina Kapetan Miki i Veliki Blek imali su puno veću prodaju od Teksa, koji je u to vrijeme još uvijek bio u tjednom "striscia" izdanju (32 str., cijena 15 lira, prodaja od oko 45.000 primjeraka), popularnost mu je počela rasti tek nakon više od deset godina prisutnosti na kioscima
- Prvi broj Teks giganta, objavljen u 6. mjesecu 1988. godine, prodan je u 250.000 primjeraka
- Samo su se reprinti Teksa (tre stelle, tutto, nuova ristampa) u 2008. godini prodavali u 30/40 tisuća primjeraka
- Prvi broj "Čiko specijalca", koji je izašao u šestom mjesecu 1979. godine, je prodan u 173.861 primjeraka
- Prvi broj Brad Barrona, koji je izašao 2005. godine, je prodan u 80.000 primjeraka
- Prvi broj Dragonera, odnosno Orfana, je prodan u oko 50.000 primjeraka
- Ukupna cijena produkcije prve sezone (12 epizoda) Orfana iznosi 1.2 milijuna eura
- Dylan Repubblica kolor-reprint se u vrijeme zatvaranja prodavao u 8.000 primjeraka
- Prvi broj Dylana je prodan u 40.000 primjeraka

Neki od izvora:
http://neuviemeart.citebd.org/spip.php?article173&artsuite=0
http://fumettologicamente.wordpress.com/2012/04/02/quanto-vendono-i-fumetti-bonelli-oggi/
http://www.fumettologica.it/2014/06/quanto-vendono-i-fumetti-bonelli-i-dati-2014/
http://forum.stripovi.com/topic.asp?whichpage=-2&TOPIC_ID=38422&REPLY_ID=1757251
http://forum.stripovi.com/topic.asp?whichpage=-2&TOPIC_ID=38422&REPLY_ID=1786317
http://forum.stripovi.com/topic.asp?whichpage=-2&TOPIC_ID=38422&REPLY_ID=1835362
http://forum.stripovi.com/topic.asp?whichpage=-2&TOPIC_ID=38422&REPLY_ID=1647224
http://postimg.org/image/t0swylazr/full/
http://www.fucinemute.it/2013/01/passato-presente-e-futuro-in-casa-bonelli/
http://www.bibliotecheoggi.it/1995/19950701401.PDF
http://www.cravenroad7.it/forum/viewtopic.php?f=2&t=7876
http://oi57.tinypic.com/rj1fv5.jpg
http://www.fumettologica.it/2014/01/orfani-il-progetto-il-marketing-e-i-risultati-intervista-roberto-recchioni-bao-bonelli/
http://forum.stripovi.com/topic.asp?whichpage=-2&TOPIC_ID=38422&REPLY_ID=1835361
http://forum.stripovi.com/topic.asp?whichpage=-2&TOPIC_ID=38422&REPLY_ID=1704361

Edited by - solar on 19/08/2017 14:52:48
Go to Top of Page
Page: of 52 Previous Topic Topic Next Topic  
Previous Page | Next Page
 New Topic New Poll New Poll
 Reply to Topic
Jump To:
forum.stripovi.com © 2000-2002 Snitz Communications Go To Top Of Page
This page was generated in 0.27 seconds. Snitz Forums 2000